Se è vero che tutti abbiamo una storia unica, è altrettanto vero che ognuno di noi ha il suo modo di raccontarla.

In un dialogo continuo tra le mie idee, le mie emozioni e le mie azioni, nei due tempi, passato e futuro, tra il piacere di quello che conosco e la curiosità di tutto quello che non conosco, ho il grande desiderio di abbracciare il mondo attraverso quello che più amo fare: raccontare delle storie attraverso le immagini.

In una sintesi di opposti elementi, tra la luce calda del giallo, la nobile ombra del blu e l’esplosiva energia del rosso, mi muovo come un’acrobata mutando il banale sviluppo di qualunque dimensione statica.

Nel duplice desiderio se vivere al caldo delle mie amate spiagge o al freddo delle aristocratiche strade londinesi, sono concentrata nella ricerca e nello sviluppo di uno stile unico, che è l’essenza della mia identità.

In un dialogo continuo tra le mie idee, le mie emozioni e le mie azioni, nei due tempi, passato e futuro, tra il piacere di quello che conosco e la curiosità di tutto quello che non conosco, ho il grande desiderio di abbracciare il mondo attraverso quello che più amo fare: raccontare delle storie attraverso le immagini.

In una sintesi di opposti elementi, tra la luce calda del giallo, la nobile ombra del blu e l’esplosiva energia del rosso, mi muovo come un’acrobata mutando il banale sviluppo di qualunque dimensione statica.

Nel duplice desiderio se vivere al caldo delle mie amate spiagge o al freddo delle aristocratiche strade londinesi, sono concentrata nella ricerca e nello sviluppo di uno stile unico, che è l’essenza della mia identità.

Sono Gabriella Sperandio, nata sotto il segno del cancro.

Con il mio timido vocabolario, ricco di segni e povero di parole, racconto i miei pensieri, le mie emozioni e le mie azioni attraverso le immagini, pur sapendo che nessuna di esse possa esprimerli compiutamente, ma attraverso di esse esprimo la varietà del Mio Mondo.

Per queste ragioni ho scelto il Design, per focalizzarmi sullo sviluppo di uno spiccata identità visiva, al fine di colpire la mente e il cuore di persone che, come te, come me, si sono accorte che gran parte del mondo si regge intorno al concetto d’immagine.

Ho scelto il Design perché è il mio modo per pensare, per emozionare. È il mio modo per trovare soluzioni, per offrire Valore.

Tutto sommato il Design mi dà il pane per vivere meglio!

Sono Gabriella Sperandio, nata sotto il segno del cancro.

Con il mio timido vocabolario, ricco di segni e povero di parole, racconto i miei pensieri, le mie emozioni e le mie azioni attraverso le immagini, pur sapendo che nessuna di esse possa esprimerli compiutamente, ma attraverso di esse esprimo la varietà del Mio Mondo.

Per queste ragioni ho scelto il Design, per focalizzarmi sullo sviluppo di uno spiccata identità visiva, al fine di colpire la mente e il cuore di persone che, come te, come me, si sono accorte che gran parte del mondo si regge intorno al concetto d’immagine.

Ho scelto il Design perché è il mio modo per pensare, per emozionare. È il mio modo per trovare soluzioni, per offrire Valore.

Tutto sommato il Design mi dà il pane per vivere meglio!

Sono convinta che le piccole cose fanno le grandi differenze

CHIUDI